Isolamenti a Cappotto

La coibentazione a cappotto è un investimento che oggi tutti dovrebbero fare sia sulle nuove abitazioni sia in quelle già costruite.

Ecco perché:

  1. Risparmio energetico e detrazione del 50%
  2. Eliminazione della condensa
  3. Eliminazione dei ponti termici
  4. Comfort abitativo
  5. Classificazione energetica e valore degli edifici

Risparmio energetico e detrazione fiscale del 50%

 

Riscaldare d’inverno e raffreddare d’estate le nostre abitazioni è diventato un onere molto elevato e purtroppo sempre in costante incremento a causa dell’aumento dei costi delle materie energetiche ( metano,gpl,gasolio ecc.)

Oggi possiamo frenare in modo definitivo questi costi grazie a un intervento di riqualificazione energetica che riduce immediatamente il consumo energetico e l’emissione di CO2, e ottimizza il rendimento dell’energia accumulata.

Chi fa una coibentazione a cappotto può inoltre usufruire delle detrazioni fiscali pari al 50% del costo complessivo dell’intervento!

Eliminazione della condensa

Condensazione è detto il passaggio del vapore acqueo dallo stato gassoso allo stato liquido. La condensazione del vapore acqueo avviene quando l’aria, satura di vapore acqueo, viene rapidamente raffreddata, per esempio quando entra in contatto con una superficie fredda.

Il vapore acqueo, se rapidamente raffreddato, condensa e si trasforma in acqua, ciò avviene per esempio quando il vapore viene a contatto con una superficie fredda. La temperatura alla quale il vapore comincia a condensare, è chiamata “temperatura di rugiada”. Il caso più frequente è la condensazione del vapore acqueo su superfici interne di pareti perimetrali in corrispondenza con ponti termici. I ponti termici sono quelle parti dell’involucro che, rispetto al resto della parete, hanno una trasmittanza termica maggiore, perdono quindi più rapidamente il calore e hanno pertanto la superficie interna più fredda. Nel caso in cui l’aria interna abbia una temperatura di 20°C e un’umidità relativa del 50%, il vapore acqueo comincia a condensare quando l’aria viene a contatto con una superficie della temperatura di circa 8-9°C, perché a 9°C, l’umidità relativa dell’aria raggiunge il punto di saturazione ed arriva al 100 %. La temperatura di rugiada è quindi di 8-9°C.

Il vapore acqueo può anche essere assorbito dalla superficie della parete e penetrare nel suo interno fino al punto dove incontra la regione che ha la temperatura di rugiada; in questa regione si trasforma in acqua, la quale va ad inumidire la struttura.

Grazie ad una coibentazione a cappotto efficace la muratura rimane calda e il punto di rugiada viene eliminato.

In tal modo si risolvono i fastidiosi inestetismi dovuti a muffe e funghi che si annidano proprio nelle zone di condensa , pericolose anche per la salute delle persone.

Eliminazione dei ponti termici

I ponti termici sono le perdite di calore dovute alla presenza di materiali aventi una diversa trasmittanza termica. Casi lampanti sono travi , pilastri in cemento armato e solai che solitamente rappresentano le zone critiche di un edificio.

Grazie ad una adeguata coibentazione a cappotto i ponti termici vengono così eliminati.

Comfort abitativo

Inutile dire che vivere in un’abitazione calda d’inverno, fresca d’estate, salubre e senza gli inestetismi e le malattie respiratorie che la condensa può portare , migliora di gran lunga il comfort all’interno della nostra casa.

Image
Image
Image